Non date la colpa a noi

Sono in molti a pensarlo e purtroppo pure a scriverlo. Stiamo entrando in zona gialla e già ieri, la gente, approfitando di qualche raggio di sole si è letteralmente riversata nelle strade: unica libertà concessa dalla situazione pandemica.

Da subito le reazioni sui social: indignazione, offese e articoli online che fanno leva sul senso di responsabilità. Fosse per alcune categorie di giornalisti e benpensanti, è la “gente” la causa principale della diffusione del virus. Questo tipo di manipolazione (volontaria o involontaria) distoglie l’attenzione dalla causa principale della pandemìa. L’inettitudine di una classe politica che passa il tempo a battibeccare su questioni irrilevanti.

Facciamo il punto della situazione. Soldi buttati via per banchi che sono finiti in magazzino, vaccini in ritardo, crisi di Governo… Quindi. Di chi è la colpa? Dei ragazzi che rivendicano CIVILMENTE il proprio diritto alla vita o la colpa è di quattro cialtroni ben pagati dalle stesse famiglie di questi giovani?

Bisogna tornare a vivere, la gente lo vuole e non ha colpe!

Precedente

Salvare capre e cavoli

Prossima storia

Cambiano i toni della politica

Altre proposte di lettura

La resistenza della bellezza

Da oggi online il progetto fotografico ideato da Roberto Maggio,  OTHER PLACES (https://other-places.net/).   Other